Ultima modifica: 24 febbraio 2010
Home > Materiali > Tutorial old > Documenti, allegati e comunicazione web > B – Aspetti redazionali > 6 – La verifica tecnica di accessibilità 2

6 – La verifica tecnica di accessibilità 2

Colori

La barra dell’accessibilità contiene un’interessante applicazione, ColoreColour Contrast Analyser, che permette di verificare con facilità l’adeguatezza dei contrasti attraverso l’algoritmo sulla differenza di luminosità e quello sulla differenza di colore. Con ColoreJuicy Studio Constrast Analyser, inoltre, è possibile accedere a un rapporto dettagliato e completo attraverso l’analisi di tutti i colori assegnati nel Foglio di stile.

Un’ulteriore verifica legata al colore è fornita dal comando ColoreScala di grigi. In questo modo la pagina viene visualizzata in bianco e nero (o, meglio, in scala di grigi). Oltre a controllare la riconoscibilità dei contrasti, questa modalità di visualizzazione serve per vedere se ci sono informazioni veicolati dal solo colorePF FP, cosa che capita spesso quando, al posto della sottolineatura, si marca un link attraverso l’uso di un colore diverso.

Immagini

La barra del’accessibilità contiene il menu Immagini con tanti strumenti utili per la verifica. Tra questi, “Rimuove le immagini” sostituisce le immagini con la loro descrizione testuale e permette di controllare sia la congruità del testo alternativo (valore dell’attributo ALT del tag IMG) sia l’eventuale perdita di informazione significativa.

E’ utile, inoltre, ricordare che occorre evitare un atteggiamento troppo didascalico: la troppa lunghezza e minuziosità delle descrizioni crea rumore comunicativo e distoglie dalla comprensione dell’esatta funzione esercitata dall’immagine.

Link

Con InformazioniVisualizza i link accedi a una tabella nella quale sono riportati tutti i link, interni e esterni, presenti nella pagine, abbinati alla loro descrizione testuale (attributo TITLE del tag A).

In questo modo puoi verificare

  • la chiarezza di ciascun collegamento ipertestuale, anche se letto indipendentemente dal proprio contesto;
  • la presenza di meccanismi che consentano di evitare la lettura ripetitiva di sequenze di collegamenti comuni a più pagine.

Tornando alla visualizzazione grafica puoi inoltre controllare se la distanza orizzontale e/o verticale tra link presenti in una lista sia tale da non creare problemi a chi ha difficoltà di puntamento del mouse (minimo: 0,5 em).

Un utile riferimento sull’uso della barra dell’accessibilità per la verifica dei requisiti tecnici (estratto) lo trovi nella presentazione di Gianluca Affinito e Marco Calvo.

Parole di riferimento

Adeguatezza dei contrasti

“Garantire che siano sempre distinguibili il contenuto informativo (foreground) e lo sfondo (background), ricorrendo a un sufficiente contrasto (nel caso del testo) o a differenti livelli sonori (in caso di parlato con sottofondo musicale); evitare di presentare testi in forma di immagini; ove non sia possibile, ricorrere agli stessi criteri di distinguibilità indicati in precedenza” (Requisito 6 dal DM 8 luglio 2005 – Allegato A).

Torna al testo

Congruità del testo alternativo

“Fornire una alternativa testuale equivalente per ogni oggetto non di testo presente in una pagina e garantire che quando il contenuto non testuale di un oggetto cambia dinamicamente vengano aggiornati anche i relativi contenuti equivalenti predisposti; l’alternativa testuale equivalente di un oggetto non testuale deve essere commisurata alla funzione esercitata dall’oggetto originale nello specifico contesto.” (Requisito 3 dal DM 8 luglio 2005 – Allegato A).

Torna al testo.

Link

“Rendere chiara la destinazione di ciascun collegamento ipertestuale (link) con testi significativi anche se letti indipendentemente dal proprio contesto oppure associare ai collegamenti testi alternativi che possiedano analoghe caratteristiche esplicative, nonché prevedere meccanismi che consentano di evitare la lettura ripetitiva di sequenze di collegamenti comuni a più pagine.” (Requisito 19 dal DM 8 luglio 2005 – Allegato A).
“Rendere selezionabili e attivabili tramite comandi da tastiere o tecnologie in emulazione di tastiera o tramite sistemi di puntamento diversi dal mouse i collegamenti presenti in una pagina; per facilitare la selezione e l’attivazione dei collegamenti presenti in una pagina è necessario garantire che la distanza verticale di liste di link e la spaziatura orizzontale tra link consecutivi sia di almeno 0,5 em, le distanze orizzontale e verticale tra i pulsanti di un modulo sia di almeno 0,5 em e che le dimensioni dei pulsanti in un modulo siano tali da rendere chiaramente leggibile l’etichetta in essi contenuta..” (Requisito 21 dal DM 8 luglio 2005 – Allegato A).

Torna al testo.




Link vai su