Libri di testo: scartiamo quelli non accessibili

Se fossi docente credo che mi batterei per fare come dice Jacopo Balocco:

“Mi permetto di segnalare che i libri di testo in formato elettronico, oggetto di questa circolare ministeriale, non possono prescindere dal rispetto della legge Stanca, con il suo articolo 5 (http://www.pubbliaccesso.it/normative/legge_20040109_n4.htm), né dal relativo decreto applicativo, con l’allegato A, dedicato all’accessibilità dei libri di testo
(http://www.pubbliaccesso.gov.it/normative/DM300408.htm).
Pertanto chiedo cortesemente a tutti docenti di pretendere dalle case editrici il rispetto della normativa vigente“.

Riporto, ora, l’intervento di Livio Mondini che su Facebook rimbalza a
sua volta l’articolo di Jacopo Balocco:

Adozione dei libri di testo per l’anno scolastico 2010/2011
Riporto integralmente perché condivido al 100% un appello agli insegnanti del prof. Iacopo Balocco, Laboratorio “Software e Tecnologie per l’Educazione” della Scuola di Specializzazione all’Insegnamento Secondario – Modulo Sostegno – Università del Lazio.

“Come è noto, la circolare ministeriale 10 febbraio 2009, n. 16 ha fornito indicazioni e dettato istruzioni per l’adozione, relativamente all’anno scolastico 2009/2010, dei testi scolastici nelle scuole di ogni ordine e grado.
Al fine di consolidare il quadro di riferimento per le scuole, per i docenti e per l’editoria scolastica si confermano le disposizioni previste dalla citata circolare anche per le scelte adozionali per l’anno scolastico 2010/2011.
Per una maggior funzionalità si richiamano i “vincoli” previsti per l’adozione dei libri di testo:
(…)
entro il 31 marzo 2010 per tutte le classi in cui sono presenti alunni con disabilità visiva;
(…)
NOTA personale
Mi permetto di segnalare che i libri di testo in formato elettronico, oggetto di questa circolare ministeriale, non possono prescindere dal rispetto della legge Stanca, con il suo articolo 5 (http://www.pubbliaccesso.it/normative/legge_20040109_n4.htm), né dal relativo decreto applicativo, con l’allegato A, dedicato all’accessibilità dei libri di testo (http://www.pubbliaccesso.gov.it/normative/DM300408.htm). Pertanto chiedo cortesemente a tutti docenti di pretendere dalle case editrici il rispetto della normativa vigente.”

Niente di più, niente di meno.

Link per accedere direttamente all’articolo di Balocco:
http://ntdlazio.blogspot.com/2010/03/adozione-dei-libri-di-testo-per-lanno.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *